Idroponica
Catalogo

Lampade Lec (Light Emitting Ceramic)

Lampade LEC

Lampade LEC (Light Emitting Ceramic)

Quando si progetta un piano luci per la serra, l’uniformità della luce è tanto importante quanto la sua intensità.

Articoli correlati: Cenni Su Lampade Hps, Mh Ed Envirolite

Le lampade LEC portano gli attuali standard di illuminazione su un altro livello di efficienza. Le LEC superano tutti gli standard di illuminazione che abbiamo incontrato fino ad ora. Questo tipo di sistemi utilizzano bulbi speciali chiamati CMH (Ceramic Metal Halide), sviluppati e testati da professionisti in Colorato, USA. Le luci LEC sono un’evoluzione delle classiche HID (high-intensity discharge). Il tubo superiore in ceramica permette al bulbo di emettere una più alta temperatura di colore creando una luce simile al sole (il sole ha un CRI di 100, la LEC ha un CRI tra gli 80-96).

La pressione esercitata dall’Unione Europea per eliminare l’utilizzo di lampade e sistemi di illuminazione considerati antiquati e inefficienti è sempre più forte. In base alla direttiva EUP, fabbricanti e importatori saranno chiamati ad abolire gradualmente, tra il 2012 e il 2017, i prodotti associati a vari tipi popolari di illuminazione, come alcune lampade “comuni” a vapori di sodio ad alta pressione, le lampade a vapori di mercurio ad alta pressione e le lampade a ioduri metallici che forniscono prestazioni standard. La tecnologia CMH rispetta tutti gli attuali e futuri requisiti definiti dall’UE, e può quindi essere scelta con la massima fiducia. I motivi alla base dei cambiamenti proposti sono ovvi: in tutto il mondo, oltre il 20 per cento del consumo energetico è imputabile all’illuminazione. Diminuendo il consumo per singolo apparecchio illuminante, si riduce di conseguenza il consumo totale, a vantaggio di tutti.

L’illuminazione CMH offre livelli di luce competitivi, di più alta qualità, ma con un minor consumo di energia. Unisce l’efficienza delle lampade HPS al bianco intenso prodotto dagli ioduri metallici, offrendo uno spettro più ampio rispetto ai prodotti a vapori di mercurio. Oltre alla luce naturale a costi operativi ridotti, la combinazione della tecnologia CMH con un reattore elettronico adeguato garantisce un’eccellente durata di vita, mentre la natura compatta delle sorgenti luminose permette ai progettisti di assicurare una distribuzione omogenea della luce in ogni applicazione.

Bulbi CMH: più PAR per Watt

Tra tutte le lampade da coltivazione indoor, le lampade CMH hanno il migliore ratio PAR per watt. Associando un alimentatore elettronico con il bulbo CMH si produce uno spettro completo di luce che simula la luce solare, fornendo livelli di UV bilanciati, molto simile allo spettro delle moderne lampade al plasma. Un bulbo CMH da 3100°K ad esempio offre l’intero spettro di luce utile alle piante, così da poter essere usato per entrambi le fasi, vegetativa e fioritura. Un bulbo 3100K CMH da 315W sviluppa circa PPF 600 µmol con un flusso medio di 36000 lumen.

Qualità della luce e calore

Sempre più coltivatori professionisti e amatoriali stanno utilizzando lampade LEC, inserendo nelle loro serre dei sistemi di illuminazione pronti all'uso, completi di alimentatore, riflettore e bulbo CMH. Gli alimentatori per LEC usano un sistema più efficiente per la frequenza delle linee d’onda e il riflettore è disegnato per massimizzare l’efficienza dei bulbi AGRO e creare una zona uniforme sotto la luce.

In aggiunta alla qualità e quantità di luce, le lampade LEC producono meno calore (fino al 60% in meno) rispetto le tradizionali luci HID. Per via del basso surriscaldamento le lampade LEC sono perfette anche per piccoli spazi di coltivazione come grow box e armadi di coltivazione. Consideriamo che: 1 lampada 1000W HPS crea 3500 BTU di riscaldamento, che deve essere raffreddato tramite cooltube e con un adeguato sistema di climatizzazione; un sistema LEC da 630W totali (doppia lampada CMH da 315W) sviluppa al massimo 2200 BTU di riscaldamento.

Lunghezza d'onda e stagioni

Nella nostra industria i Lumen misurano la luminosità in termini di percezione umana. Le piante invece percecepiscono la luce per l’energia musirata tramite lunghezze d’onda. Lo spettro della luce è fondamentale poichè differenti lunghezze d’onda portano differenti concentrazioni di energia. Le piante si sono evolute per usare l'intero range di luce solare. Le lunghezze d’onda corte come il blu, viola e ultra-violetto trasportano più energia di arancione, rosso e rosso scuro che invece sono sono più deboli. Le piante si sono evolute per usare l'intero spettro di luce ed entrambe le lunghezza d'onda. Il cambiamento delle stagioni comporta differenti spettri di luce, il blu chiaro imita la primavera (per la fase vegetativa) e la luce rossa imita la tarda estate e autunno (per la fioritura). I bulbi CMH si possono trovare con temperature di colore che variano da 3100°K fino ai 5500°K e coprono le diverse frequenze d'onda di cui le piante hanno bisogno consumando di fatto meno watt.

Vantaggi dei sistemi luce di tipo LEC

Ricapitoliamo in breve i vantaggi delle lampade LEC e le differenze con le classiche lampade ai vapori di sodio:

  • Utilizzano bulbi CMH che possono essere sostituiti circa ogni 2 anni invece di 1
  • Bassa emissione di calore rispetto le classiche HPS
  • Migliore rapporto PAR:Watt
  • Spettro di colore completo simile alle lampade al plasma ed alla luce solare
  • Maggiore emissione di luce ultravioletta rispetto le lampade ai vapori di sodio
  • Sistemi luci plug-and-play pronti all'uso