I migliori prodotti per proteggere il raccolto dai colpi di calore ed il caldo eccessivo

I migliori prodotti per proteggere il raccolto dai colpi di calore ed

Periodi di caldo estremo noti come "ondate di calore" possono causare diversi effetti negativi sulle colture e, se non vengono prese le dovute precauzioni, anche danneggiare la pianta e il frutto, o ridurne la qualità. Oltre alle possibili fisiopatie della pianta, le alte temperature producono un aumento dei parassiti in alcune colture. Come affrontare con successo tutte queste complicazioni?

Effetti delle alte temperature sulle piante e determinanti per prevenire e superare lo stress termico

Le piante hanno una grande capacità di adattarsi ai cambiamenti esterni, ma ci sono sempre dei limiti che potrebbero non essere in grado di sopportare o che potrebbero ridurre la loro capacità produttiva e la qualità del raccolto. Sopra i 40-50 gradi, l'attività della pianta diminuisce e anche i tessuti enzimatici iniziano a essere distrutti. Ed è che drastiche variazioni di temperatura possono influenzare la morfologia, l'anatomia, la biochimica e la fenologia della pianta.

Possibili conseguenze

Stress idrico

I danni causati dalle alte temperature sono comunemente associati allo stress idrico. L'apparato radicale non è in grado di fornire alle foglie l'acqua necessaria alla traspirazione, le foglie chiudono gli stomi cercando di conservare l'acqua, arrestandone l'evaporazione e riducendo il benefico effetto rinfrescante, nonché la crescita della pianta. Ecco perché, nella misura in cui le piante possono traspirare liberamente, saranno anche in grado di far fronte alle alte temperature.

Problemi di fotosintesi

All'aumentare della temperatura l'attività fotosintetica della pianta aumenta, fino a raggiungere un massimo (intorno ai 30 gradi, a seconda della coltura) dopodiché diminuisce anche per la distruzione dei sistemi enzimatici della pianta. Dopo aver superato quella temperatura, la pianta spende più energia di quanta ne immetta per svolgere le sue funzioni fisiologiche.

Avvizzimento

La traspirazione accentuata dalle alte temperature può causare appassimenti temporanei che possono portare alla morte della pianta. Dover consumare le proprie sostanze di riserva può portare alla fame.

Le alte temperature producono, in questa linea, alterazioni delle funzioni fisiologiche. Ad esempio, i prodotti finali metabolici sono più difficili da eliminare, il che può portare all'autoinvecchiamento cellulare. Pertanto, possono verificarsi tabacco e necrosi di foglie e germogli e, di conseguenza, l'albero si defoglia.

Colore e qualità dei frutti

I frutti degli alberi, soprattutto dopo che hanno assunto il loro caratteristico colore, sono molto sensibili alle alte temperature. Al di sopra dei 35-40 gradi è frequente l'ammorbidimento e l'oscuramento del suo interno. In altri casi provoca lesioni nell'epidermide sotto forma di macchie o piaghe, che si suberificano, deturpando e deprezzando il frutto. Quando il colpo di calore coincide con la maturazione, può verificarsi un massiccio calo dei frutti dovuto alla formazione precoce dello strato di abscissione sui peduncoli. Nei pomodori, ad esempio, il calore influisce sia sulla durata che sul colore del frutto, poiché la temperatura influenza molto la formazione dei pigmenti. Si raccomanda che sia inferiore a 28 gradi in modo che non si verifichi scolorimento. Nel caso della vite, un improvviso innalzamento della temperatura si manifesta sotto forma di bruciature sulle foglie e sulle parti tenere dei tralci, e nell'arrossamento del frutto.

Ustioni

L'elevata intensità di luce e calore può influenzare la distruzione della clorofilla nelle foglie. Le foglie sul lato soleggiato della pianta o quelle che ricevono temperature elevate possono mostrare la morte dei tessuti ai loro margini o in ampie aree tra le vene. Possono anche bruciare e uccidere il cambio (strato di cellule che cresce appena sotto la corteccia) di alberi dalla corteccia sottile e recentemente trapiantati o potati. Queste condizioni predispongono l'area danneggiata all'attacco dei funghi.

Più vulnerabilità alla necrosi apicale

La necrosi apicale è associata a carenza di calcio. In una situazione di alte temperature e di elevata traspirazione, il calcio, che si muove nella pianta con il flusso dell'acqua, si sposta verso le zone di maggiore traspirazione, le foglie, e non verso i frutti, per cui una carenza di questo elemento nel quest'ultimo.

Parassiti

Un altro aspetto da tenere in considerazione è che in presenza di condizioni di stress sfavorevoli, la capacità di risposta della pianta in caso di comparsa di un parassita è sempre inferiore.

Ci sono alcuni parassiti che compaiono in condizioni di siccità e calore. Pertanto, le alte temperature possono causare un aumento di parassiti come il ragno rosso, oltre a una drastica diminuzione della popolazione di agenti ausiliari che controllano soprattutto gli acari.

Azioni corrette da intraprendere

Prevenzione

La prevenzione più elementare consiste nell'aumentare la frequenza dell'irrigazione o nel ricorrere a tecniche come la nebulizzazione o l'ombreggiatura nelle serre o della ventilazione nella Grow Box (qui trovate la nostra Guida Completa). Si raccomanda di aumentare la frequenza delle irrigazioni con piccole quantità d'acqua nelle ore di massimo calore, oppure un'irrigazione più copiosa nelle ore di buio per attutire l'effetto termico.

Alimentazione

Anche l'alimentazione e la biostimolazione sono fondamentali per superare con successo le situazioni di caldo estremo. I prodotti che agiscono come agente osmotico del citoplasma cellulare vegetale sono di grande aiuto per aprire gli stomi e regolare l'equilibrio idrico della pianta. In questa direzione agisce il 
Silicon Max di Vitalink

VitaLink Silicon MAX

che interviene anche nella formazione della clorofilla e provoca un ulteriore aumento della fotosintesi. Questo influenza anche i meccanismi di rafforzamento delle pareti cellulari della pianta, aiutando a ricostruire i tessuti. Un altro ottimo prodotto adatto allo scopo è il

Liquid Silicon di Grow Technology

 

Growth Technology Liquid Silicon - Manchester Hydroponics

che oltre a rafforzare la pianta per diminuire lo stress, favorisce lo sviluppo delle radici e l'assorbimento di co2 nella Grow room.

 

  • Per affrontare il problema della necrosi apicale, che può essere accentuata dalle alte temperature e che si manifesta principalmente nel pomodoro e nel peperone, è possibile ricorrere all'apporto di calcio attraverso fertilizzanti e ammendanti agricoli  che fortificano le piante e ne riducono le carenze nutritive dovute al malassorbimento dei nutrienti come

CalMag di BioBizz 

Biobizz - Calmag

che risponde all'esigenza di fornire un apporto extra di calcio e magnesio per fortificare le proprie piante.

Anche  

Cellmax CalSiMag Spray 

Cellmax CalSiMag Spray 500ml

che con il suo rapido assorbimento di calcio e magnesio di provenienza biologicaoffre un ottimo prodotto da utilizzare come spray foliare, composto dalle più pure fonti di calcio, magnesio e silicio, provenienti da roccia di alghe micronizzate. Questo spray fogliare è pronto all’uso e aumenta i valori di calcio e magnesio nella pianta in modo naturale senza il rischio di eccedere nell’utilizzo. 
Segnaliamo inoltre il

Metrop CalGreen

Metrop – Calgreen 5 LT

un prodotto davvero utile per irrobustire le piante contro l'attecchimento di muffe e funghi. 

  • Contro eventuali parassiti, oltre all'irrigazione, che ottiene un aumento dell'umidità ambientale abbassando la temperatura e favorendo l'attività degli insetti ausiliari, si può ricorrere a referenze come

ll’Olio di Neem,

impiegato in agricoltura come insetticida, acaricida e nematocida biologico di grande efficacia. 

Repellente OLIO DI NEEM Puro
Un altro insetticida naturale che fornisce un eccellente controllo del contatto degli insetti dal guscio molle in tutte le loro fasi di sviluppo (afidi, cocciniglie, mosche bianche o acari) è lo

Spider Killer di Agrobacterias

Agrobacterias - Spider Killer 60 ML  - Acaricida con Estratto di Cannella

un acaricida 100% biologico composto da estratto puro di cannella (Cinnamomumzeylanicum), naturale ed efficace contro ragni rossi, acari, afidi, cocciniglia, e nematodi.

 

Fertilizzazione preventiva

Utilizzare con sufficiente anticipo un fertilizzante di qualità e utilizzare biostimolanti che rafforzino la coltura favoriranno la naturale resistenza delle piante a parassiti e malattie.  Alcune soluzioni ideali per la nutrizione delle colture sono quelle contenute nelle linee:  

Advanced Nutrients (concimi organo-minerali liquidi)

Scheda fertilizzanti Advanced Nutrient PH Perfect - Grow Shop Italia

BioBizz (fertilizzanti organici liquidi)

Home - Biobizz

Guanokalong (fertilizzanti organici solidi)

Pallet Guanokalong 25 kg - LedGrowShop

Cosa stai cercando?