Come ottimizzare la coltivazione utilizzando lampade a LED

Come ottenere il massimo utilizzando lampade a LED

Come ottenere il massimo utilizzando lampade a LED

I coltivatori idroponici nel ventunesimo secolo hanno diverse opzioni rispetto ai coltivatori idroponici di una generazione fa. Uno degli sviluppi più recenti e più emozionanti è l'introduzione delle luci a LED per l'idroponica. Queste luci permettono non solo di regalare rendimenti più grandi e raccolti più veloci, ma anche causare meno danni da troppo calore e portare qualche sollievo nel momento di pagare la bolletta della luce. Se decidi di passare a questo metodo di coltivazione, non potrai utilizzare le stesse tecniche usate con lampade alogene o ad alta pressione di sodio, mentre la maggior parte delle competenze che avete acquisite come coltivatore idroponico sono trasferibili. Coltivando con le luci a LED ci sono alcune condizioni uniche che richiedono istruzioni speciali. Seguendo questi semplici passaggi, puoi essere sicuro di ottenere il massimo dalla coltivazione utilizzando luci a LED. 

Non permettere che la tua grow room diventi fredda - Se vivi una parte del mondo piuttosto fredda, potresti aver utilizzato il calore che viene dalle tradizionali lampade per mantenere la coltivazione ad una temperatura ottimale. Una volta passati al LED, si noterà una notevole diminuzione della temperatura, ciò potrebbe significare che dovrai acquistare un riscaldatore collegato a un termostato per mantenere la grow room sufficientemente calda. Non preoccuparti però, anche se dovrai usare un equipaggiamento aggiuntivo, utilizzando al meglio il LED avrai ancora un risparmio netto di energia elettrica.

Qui puoi trovare una guida approfondita per imparare a coltivare con l'idroponica e approfondire tutte le tecniche per coltivare con questo metodo.
Se invece non sai ancora quale tecnica adottare, in questa pagina trovi la guida generale alla coltivazione indoor.

Presta attenzione a non innaffiare troppo - Potresti aver trascorso molto tempo a trovare le condizioni ottimali per l'irrigazione delle piante. Molti ritengono che dopo essere passati alle luci a LED, lo stesso reggimento di irrigazione porta a sovraccarichi, ciò è dovuto al fatto che i livelli di calore più bassi causano meno evaporazione dell'acqua. Dopo aver iniziato a utilizzare le luci a LED, assicurati di trovare i segni di sovraesposizione. Se sospetti che le radici delle piante stiano soffrendo, puoi provare l'alimentazione fogliare in modo che le piante ottengano sostanze nutritive sufficienti mentre correggi il problema.

Non avere paura di avvicinare le luci - Più si avvicinano le luci, più intensa sarà la luce per le piante. Se in passato hai utilizzato lampade con una produzione di calore particolarmente elevata, potresti avere qualche titubanza circa l'accensione delle luci nelle piante, ma poiché la produzione di calore dei LED è significativamente inferiore, puoi sentirti libero di sperimentare e mettere le luci più vicine rispetto a prima. L'intensità aumentata può aumentare l'attività fotosintetica e la crescita delle piante. È inoltre necessario assicurarsi di posizionare le luci più vicine quando si utilizza un generatore di CO2 in quanto le concentrazioni più elevate di anidride carbonica significano una maggiore domanda di nutrienti e di luce.

Lampade LED da coltivazione indoor



Articoli correlati