Germinazione o Taleaggio, qual è il sistema migliore?

Semi o Talee: qual è il sistema di propagazione migliore?

Semi o Talee: germinazione o taleaggio? Ecco una breve guida per capirne di più e scegliere il sistema di propagazione migliore.

Quando si può coltivare partendo dai semi?

Molti coltivatori iniziano a coltivare partendo dai semi perché sono facilmente reperibili presso i nostri negozi ed è possibile scegliere il tipo esatto di pianta che si desidera coltivare. Facilissimo. Per questo, la maggior parte di coltivatori comincia dal seme. Un'altra operazione resa possibile grazie ai semi - ma non possibile con le talee - è che puoi stoccarli (a patto che la conservazione sia fatta in modo corretto) per usi successivi. In sostanza, è possibile acquistare il seme, magari approfittando di una offerta, conservarlo in luoghi freschi ed asciutti, anche per anni, per poi avviare la coltivazione quando si è pronti.

Dove si possono acquistare semi?

Ci sono diversi modi per acquisire i semi, il più semplice è venirci a trovare presso uno dei nostri store approfittando sia della vasta scelta di prodotti, sia della competenze del personale che troverete in negozio, in grado di consigliarvi al meglio e fornirvi tutte le indicazioni indispensabili per la coltivazione: dal seme alla pianta. Il vantaggio, e non è un dettaglio da poco, è che in questo caso è possibile scegliere esattamente quello che si vuole.

Si possono anche trovare i semi nei raccolti di altre coltivazioni o dagli amici, in questo caso però bisogna stare attenti, perché non sempre si conosce l’origine del seme. Infine, è possibile coltivare i propri semi accoppiando due piante diverse, il che significa "avere" una quantità di semi virtualmente illimitata. Il lato negativo è che il processo potrebbe richiedere un po' di tempo e inoltre occorre essere ben preparati sull’argomento.
Insomma, coltivare partendo dai semi può essere molto educativo per apprendere l'intero processo di crescita di una pianta non dimenticando, però, che anche i più esperti a volte incappano in qualche errore, per questo riportiamo l’articolo "Come germinare i semi in cubi di roccia Rockwool" con tutte le informazioni più importanti per coltivare piante partendo dalla germinazione.

Pro e contro della coltivazione partendo dai semi:

PRO

I semi sono un prodotto facile da acquistare ed è possibile scegliere, esattamente, il genere di pianta che si desidera coltivare,. Ciò che significa che possiamo acquistare facilmente anche semi di piante femminizzati.

Acquistando semi specifici, da una banca di sementi consolidata, è possibile avere un'idea molto precisa di come la pianta apparirà e le sue caratteristiche per quanto riguarda la resa, la qualità ed il tempo di fioritura.

Il seme non eredita potenziali problemi, come malattie o parassiti, dalla "pianta madre": ciò significa che se si inizia da seme, la pianta in partenza non avrà alcun problema.

CONTRO

  • Leggermente più lungo il processo,  bisogna prima far germogliare il seme per poi passare alla fase di crescita.
  • I costi possono essere più alti, se si acquistano semi per ogni singolo ciclo di crescita.


Passiamo ai cloni(o talee)

Un clone è un taglio, da una pianta madre, che possiamo piantare, far crescere e portare in fioritura nuovamente.

Quando è il momento per partire dalle talee

Se hai almeno un raccolto in salute - o se conosci qualcuno che coltiva il tipo di pianta da te desiderato - allora hai tutto per iniziare a clonare. Per alcuni coltivatori, per lo più principianti, questo può sembrare il modo più comodo per iniziare visto che i tempi si accorciano.

Come procedere con il taleaggio

Per clonare le piante è necessario disporre di una pianta madre. Questa sarà l'impianto dal quale taglieremo le parti per creare i nostri cloni. In realtà non è difficile, ma come sempre, il pericolo è nei dettagli e nelle piccole operazioni di questo processo. Ecco, quindi, la procedura per effettuare il taleaggio in modo corretto.

  1. Prendere una lama di rasoio ben pulita e disinfettata con dell'alcool e tagliare un gambo robusto e in salute dalla pianta madre;
  2. utilizzare poi un gel per taleaggio - o una polvere - per coprire l'area di taglio.
  3. Successivamente, mettere questo nuovo clone in quello che i coltivatori chiamano "vassoio di clonazione", di solito piccole torbiere o contenitori di lana di roccia.
    Ancora una volta il processo sembra semplice; l'aspetto da considerare è che i nuovi cloni hanno bisogno della giusta cura per crescere sani e velocemente.

Parliamo dei pro ed i contro partendo da clone:

PRO

  • Garantire il sesso della nuova pianta è possibile semplicemente scegliendo la pianta madre del genere corretto.
  • Poiché si sta iniziando con una pianta, non bisogna aspettare che il seme germini: si risparmia un bel po' di tempo.
  • Se si dispone di una pianta particolarmente gradita, è possibile clonarla.
  • Una volta che le talee hanno sviluppato l’apparato radicale, il più è fatto.

CONTRO

  • Rispetto ai semi, acquistabili in molti posti, bisogna avere una pianta madre.
  • Se le pianta madre dovesse avere problemi, come parassiti o malattie, le talee potrebbero ereditare gli stessi problemi.
  • Si risparmia tempo rispetto ai semi, ma se non si effettua il taleaggio correttamente, le piante potrebbero andare in "shock" e richiedere tempo supplementare per radicarsi e crescere o addirittura morire.
  • Fin dall'inizio bisogna “accudire” il nuovo clone affinché possa stabilizzarsi e cominciare a crescere forte e sano.

Approfondisci il mondo delle talee e scopri come clonare una pianta con il manuale dedicato di Idroponica.it.

Semi o talee? In conclusione è una scelta del tutto personale

Crediamo fermamente che partire dai cloni rispetto alla crescita dal seme sia una scelta del tutto personale. Alcuni coltivatori potrebbero trovare meno stressante la germinazione, mentre altri ritengono che sia più facile coltivare partendo dalle talee. Dovete essere voi scegliere, in base alle esigenze specifiche, ma non è detto che se decidete di inziare con i semi non possiate poi passare alle talee. D'altra parte, come già detto, può dipendere dalle circostanze personali. L’importante è essere consapevoli dei pro e dei contro di ogni metodo e valutare il migliore per le proprie esigenze.



Articoli correlati